lunedì 28 novembre 2011

Cut Off



al servizio di chi serve le emozioni,
di chi racconta storie non necessariamente fatte di parole
o almeno di parole ascoltate e dette.
un corto firmato Dorotea Pace & Giulio Volpe al quale si è affiancata la collaborazione operosa di altri addetti-affetti ai lavori.
tra questi anche Laura Bianco in qualità di segretaria di edizione e assisente alla regia ed io come costumista.
E i pesci rossi che non si possono dimenticare!

Ora semplicemente prendetevi lo spazio che vi serve per tirarvi in mezzo, con la giusta dispersione che vi prende.
ci sono milioni di condizioni che descrivono il nostro stare al mondo.
e quello che si vede fuori non necessariamente è quello che si sente dentro.

4 commenti:

  1. D'accordo, adesso riveliamo pure che ti ho pagato per questa pubblicità!

    ... Grazie con un :* e tanti :) (per i fianchi, il cuore, le mani, la testa, per cut off e tutto il resto)
    Tu e io, io e tu prima o poi dobbiamo fare qualcosa di grosso-grosso tuo e mio, mio e tuo, insieme. E' una minaccia. O una piacevole prospettiva. O entrambe. Non so. Prendila come preferisci!

    RispondiElimina
  2. e comunque non mi hai mai detto cosa ne pensa Maria! e a me interessa! :)

    RispondiElimina
  3. una piacevole prospettiva.
    uff..senti la stranezza che c'è ora.
    Maria ha detto "b..bello.Bello!" con la faccia smarrita ed entusiasta.la storia di Maria forse un pò assomiglia a quella di cut off.
    e allora ci ha visto curiosità e solitudine.
    oggi forse riesco a scrivere.o almeno ho voglia di provarci.
    ieri ti saresti emozionata tanto al concerto dei sub.sembrava uno story tellers,in teatro.io stavo quasi crollando.bacio.

    RispondiElimina
  4. La sento, sì.

    Mi piacerebbe leggerti. Ma prima c'è il tuo viaggio personale nella scrittura. E allora buon viaggio.

    Non sapevo dei Sub. Ho letto del loro concerto solo dopo le tue parole. E da quello che ho letto provo a immaginare. Li avrei risentiti volentieri in qiesta veste. Chissà poi se crollare completamente non sarebbe un bene.

    (bacio)

    RispondiElimina